Glucose Chetone Index & #8211; GKI & #8211; L'ultima misura della salute metabolica

Pubblicato: 23 aprile 2019
glucose-ketone-index-gki-the-ultimate-measure-of-metabolic-healthplay-icon

Glucose Ketone Index - GKI - L'ultima misura della salute metabolica

Quando si tratta di trovare la tua zona metabolica definitiva, dove il tuo corpo prospera di più in uno stato chetogenico, devi guardare a qualcosa noto come GKI, l'indice di glucosio chetone. Il tuo numero GKI è un calcolo del biomarcatore da una formula molto semplice (puoi calcolare il tuo livello di chetosi e i livelli di glucosio quindi utilizzare un calcolatore dell'indice di glucosio chetone per calcolarlo), ma svela molto della tua bioindividualità e del tuo benessere generale in un'istantanea. t ti dà un quadro generale di dove ti trovi in uno stato di chetosi in relazione anche ai tuoi livelli di glucosio. In effetti, è un rapporto molto semplice. Fondamentalmente è solo il tuo rapporto tra glucosio e chetoni. C'è un modo semplice per misurarlo e quando utilizzi il misuratore Keto-Mojo, può semplificarti la vita. Sono Thomas DeLauer con Keto-Mojo e analizzeremo il GKI e come utilizzarlo per avanzare e ottimizzare la tua vita, favorire la perdita di peso, aiutare a comprendere il significato combinato delle letture del glucosio e delle letture dei chetoni, e molto altro ancora!

Chi ha sviluppato la GKI e perché?

Ok, quindi per prima cosa dobbiamo guardare a come il GKI è stato sviluppato e considerato nel complesso. È stato sviluppato da un medico di nome Dr. Thomas Siegfried. Ha lavorato con i malati di cancro, in particolare i pazienti con tumore al cervello, e aveva bisogno di trovare un modo per determinare dove questi pazienti avrebbero prosperato e dove avrebbero ottenuto i migliori risultati quando si scendeva al loro livello di chetoni. Ma sapeva anche che se avesse misurato solo i loro livelli di chetoni, sarebbero variati durante il giorno e non gli avrebbero dato un'immagine chiara. Sapeva anche che se avesse misurato solo i loro livelli di glucosio, anche quelli sarebbero variati durante il giorno, offuscando l'intuizione. Il motivo per cui questo era così importante con i pazienti con tumore al cervello è perché i tumori cerebrali, in generale, sono di solito glicolitici, il che significa che si nutrono del combustibile fermentabile, che è il glucosio. Quindi, sapeva che se fosse riuscito a ridurre i livelli di glucosio, avrebbe essenzialmente fatto morire di fame questi tumori. Sapeva anche che se avesse allevato il carburante non fermentabile, i chetoni, avrebbe potuto aumentare la qualità della vita dei suoi pazienti mentre moriva di fame questi tumori. Quindi era molto, molto importante per lui avere un'immagine chiara.

American Journal of Nutrition Journal Study

Ci sono un paio di studi che esaminano questo aspetto in generale. Uno studio è stato pubblicato da Giornale dell'American College of Nutrition. Ha esaminato due pazienti pediatrici con tumori cerebrali e essenzialmente quello che ha scoperto è stato che quando il livello di GKI è stato abbassato, avrebbero finito per avere un livello ridotto del carburante che avrebbe alimentato questi tumori. In questo caso, il fluorodeossiglucosio, che è fondamentalmente glucosio che viene metabolizzato in un certo modo per essere alla fine combustibile per il tumore al cervello. Hanno scoperto che c'era una significativa riduzione del carburante complessivo che questi tumori avevano quando GKI è stato abbattuto. In media tra questi pazienti, il GKI è sceso da 27 fino a 0,7 a 1,1, vuoi che il tuo GKI sia buono e basso. Un GKI basso indica che hai bassi livelli di glucosio nel sangue e livelli di chetoni nel sangue moderatamente alti.

Studio sul diario del metabolismo nutrizionale

Ora spiegherò esattamente come si rompe e come calcolare un po 'più avanti in questo video. C'è un altro studio che voglio esaminare che è stato pubblicato sulla rivista, Metabolismo della nutrizione. Questo studio ha esaminato un diverso tipo di cancro. Questa donna aveva un glioblastoma, quindi anche questo è ancora un tumore al cervello, ma rispondono tutti in modo diverso. Quello che hanno fatto con questa paziente è che le hanno fatto seguire una dieta chetogenica di otto settimane con una leggera restrizione calorica. Ovviamente, quello che hanno scoperto è che il suo GKI complessivo è sceso dalla metà degli anni '30 fino a circa 1,4. Ok, quindi successo. Hanno abbassato il GKI, il che significa che hanno portato i chetoni nel lungo periodo e hanno portato il glucosio (carboidrati) nel lungo periodo, non solo in un momento specifico. Bene, la cosa interessante è che hanno scoperto che dopo otto settimane, il tumore al cervello si è ridotto di dimensioni così tanto che non era nemmeno rilevabile. Quindi, quando è tornata sui carboidrati e ha interrotto la dieta cheto a basso contenuto di carboidrati per circa 10 settimane, il tumore al cervello è ricomparso ed è stato nuovamente rilevabile.

Capire la scienza

Che cosa significa questo per te? Se non hai il cancro al cervello è importante per te? Ebbene sì, è perché la scienza che è venuta dalla comunità del cancro riguardo al GKI ha aperto un intero mondo per le prestazioni, per l'ottimizzazione della vita complessiva, per la funzione cognitiva complessiva, perché ora possiamo dare uno sguardo al quadro più ampio.

Il GKI è un utile biomarcatore del benessere generale. Può anche essere un indicatore del fatto che rimani in chetosi e benessere metabolico o manchi il segno e forse ti stai preparando a un rischio maggiore di problemi di salute e malattie croniche legati alla dieta e al glucosio come ipertensione, malattie cardiache, ipertensione , fegato grasso, sindrome metabolica, malattie cardiovascolari, infarto o obesità.

Di nuovo, lasciami dare un senso a questo. Quando testiamo i nostri chetoni, potrebbe cambiare di minuto in minuto perché non siamo un sistema perfettamente pressurizzato in cui abbiamo il carburante ei chetoni che attraversano il nostro corpo alla stessa velocità, la stessa pressione, non funziona così . Il nostro fegato produce chetoni in questi picchi e poi il nostro sangue si gonfia. Potremmo misurare i chetoni e ci danno solo risultati casuali. Non casuali, ma potrebbero darci risultati che sono all'interno di un regno ma non esattamente gli stessi nel tempo. Ma se iniziamo a guardare il GKI, possiamo avere un quadro più ampio di dove qualcosa funziona e dove qualcosa non funziona.

Ti faccio un esempio con l'attività fisica. L'esercizio è perfetto perché quando ti alleni, i livelli di glucosio aumentano e anche i livelli di chetoni possono aumentare. Ma molto probabilmente i tuoi livelli di glucosio aumenteranno e i tuoi livelli di chetoni rimarranno più o meno gli stessi. Questo allarma le persone, ma il fatto è che se guardassi effettivamente il tuo GKI nel corso dell'intero allenamento, scopriresti che il risultato netto complessivo del tuo allenamento è in realtà più o meno lo stesso di quello che sarebbe normalmente, tu hanno ancora una buona quantità di chetoni.

L'altra cosa è che se pratichi il digiuno intermittente questo potrebbe essere molto ottimale per te semplicemente perché ti farà sapere dove stai bruciando più grasso corporeo e dietetico, dove stai ottenendo l'effetto più metabolico. Se i tuoi chetoni sono bassi durante il digiuno o il tuo glucosio è alto a causa dell'insulino-resistenza periferica, non stai ottenendo un gran beneficio, il tuo GKI rimane comunque alto. Se vuoi gli effetti del digiuno, vuoi che il tuo GKI sia carino e basso, quindi è molto potente. Di nuovo, anche con la bioindividualità con il cibo. Se sei preoccupato di mangiare qualcosa e ti fa uscire dalla chetosi, beh, potresti mangiare qualcosa e aumenta la glicemia, ma potresti scoprire che i tuoi livelli di chetoni non cambiano o addirittura aumentano, perché hai mangiato dei grassi.

Come si misura il GKI con il misuratore Keto-Mojo?

Il GKI ti darà la massima tranquillità. Ti dà un'immagine più ampia e ti aiuta a trovare quella zona metabolica. Molto importante, quindi come lo misuri effettivamente con il tuo misuratore Keto-Mojo? Bene, quello che vorresti fare è misurare i tuoi livelli di glucosio e poi dividere i livelli di glucosio per 18 e poi dividere quel numero per i livelli di chetoni. Oppure puoi usare il file Calcolatrice Keto-Mojo GKI.

Ok, ciò che fa è che prende i tuoi milligrammi di decilitro di glucosio e lo trasforma in millimoli (mmol) per litro. E poi lo dividi per chetoni e ti dà il tuo semplice rapporto glucosio / chetoni. Quindi, vuoi essere sotto un 5. Mettiamolo lì. Se sei sotto un 1 sul GKI, sei in uno stato terapeutico di chetosi. Epilessia, trattamento delle crisi epilettiche, qualche cura del cancro, ecc. Da 1 a 3, sei in uno stato di chetosi piacevole e profondo. Questo è ottimo solo per una produzione di chetoni ottimale e una funzione generale. E poi fino a 5, sei ancora a un intervallo di chetoni moderato in cui stai andando abbastanza bene nel complesso. Una volta superati i 9 anni, non sei affatto in chetosi. Quindi, è solo un modo più carino per noi di guardare. È quasi paragonabile a guardare il nostro A1C se sei diabetico, ti dà un'immagine più ampia che ci aiuta in generale. Man mano che la comunità chetogenica si evolve e iniziamo a imparare modi più scientifici per ottimizzare veramente le nostre vite, ci accorgeremo che è più che testare quel numero.

Puoi andare su Keto-Mojo.com per un modo per inserire le tue letture nella loro semplice calcolatrice GKI, che ti darà tutto ciò che devi sapere quando si tratta di cosa è il tuo GKI in quel momento . Come sempre, assicurati di tenerlo chiuso qui con Keto-Mojo. Lascia fuori questa congettura dall'equazione e inizia a essere guidato dai dati e utilizza un misuratore Keto-Mojo. Ci vediamo nel prossimo video.

cta-booklet

Non nella nostra mailing list?
Sign up and get 5 Mouthwatering Mexican Recipes! Come spice up your life!

Noi di Keto-Mojo crediamo nella condivisione, condividendo importanti notizie, scienza e studi sulla comunità di cheto, fantastiche ricette di cheto, prodotti che amiamo e profili delle persone che ci ispirano.

Join our community now and spice up your mealtime with 5 new Mexican recipes!

Show Buttons
Hide Buttons
X