fbpx

Il digiuno e l'autofagia (il modo in cui il corpo pulisce le cellule)

Pubblicato: 20 gennaio 2020
fasting-autophagy-ketonesplay-icon

Che cos'è l'autofagia?

C'è qualcosa di cui molte persone che praticano il digiuno intermittente parlano ed è l'autofagia. Ora spiegherò cos'è l'autofagia in un secondo. Ma lo scopo di questo video è di insegnarti che a causa del fatto che il tuo corpo produce chetoni durante un digiuno, l'autofagia non è così importante come potresti pensare. Va bene, quindi l'autofagia è questa, l'autofagia è dove il tuo corpo ha una sorta di processo di riciclaggio cellulare integrato. Pensalo come il piccolo Pac-Man del tuo cellulare. E questo Pac-Man si apre e mangia tutti questi vecchi componenti della cellula che non hanno più bisogno di essere utilizzati.

Come il digiuno innesca l'autofagia

Ora, perché è importante quando si tratta di digiuno? Bene, pensaci. Diciamo che non hai mangiato per 16-20 ore. Non hai sostanze nutritive in arrivo, quindi il tuo corpo non ha altra scelta che cercare di trovare e conservare il cibo da altri luoghi. Quindi prende componenti della cellula che non vengono realmente utilizzati o porzioni frammentate di DNA che non vengono utilizzate e li utilizza come combustibile. Fondamentalmente sta riciclando i propri componenti nel tentativo di ottenere energia. È roba davvero potente. Ma il problema è che così tante persone credono che l'autofagia sia la fine di tutto. Quindi, per esempio, avranno paura di consumare qualcosa perché potrebbe fermare l'autofagia. Oppure, hanno paura che il loro digiuno non sia altrettanto efficace perché non stanno entrando in quella fase dell'autofagia.

Relazione tra chetoni e autofagia

Bene, voglio spiegare come la dieta chetogenica in realtà inneschi l'autofagia e come l'autofagia non sia necessariamente tutto ciò su cui devi contare. Vedi, c'è uno studio pubblicato sulla rivista PNAS (Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d'America) che ha scoperto, a una velocità di 48 ore, l'autofagia tende a diminuire, ora, la mia ragione per menzionare questo è perché, man mano che l'autofagia diminuisce, ciò non significa che il digiuno non sia più vantaggioso, vedi, hanno sempre una specie di dare e avere. Quando digiuni per un lungo periodo di tempo, hai una sovraregolazione dei chetoni. Va bene, più a lungo digiuni, in genere, più chetoni avrai nel sangue. Ora, i chetoni hanno un mondo di benefici, giusto? Hanno proprietà genetiche, hanno, in definitiva, proprietà macronutrienti, hanno capacità di alimentare il cervello, sono una cosa molto potente. Ma, man mano che i chetoni aumentano, tendiamo a vedere un po 'di declino dell'autofagia a livello micro con il digiuno. E questo semplicemente perché i chetoni che si stanno elevando durante il digiuno stanno effettivamente arrestando la scomposizione delle proteine, ora questa è una buona cosa in molti modi diversi, giusto? Più a lungo digiuni, maggiore è la quantità di proteine effettivamente conservate, è contrario a ciò che direbbe la maggior parte delle persone. Quindi, quando digiuni per un lungo periodo di tempo, i chetoni preservano le tue proteine. E quando le proteine vengono preservate, hai più proteine nel flusso sanguigno, che in realtà disattiva l'autofagia.

I chetoni sono una misura migliore dell'efficacia del digiuno

Quindi il mio punto di dire questo ancora una volta è che non possiamo dettare se un digiuno è buono o cattivo, solo sull'autofagia. Dovremmo davvero prestare attenzione al nostro digiuno in base ai nostri livelli di chetoni, perché questo è il vantaggio che stiamo effettivamente ottenendo da tutto. Quindi, non fraintendetemi, l'autofagia è buona e ci sono molti modi in cui la dieta chetogenica, di per sé, può effettivamente indurre l'autofagia attraverso altri meccanismi. Ma, per il semplice interruttore on-off che ha a che fare con il digiuno, la misurazione che dovresti guardare, più di ogni altra cosa, sono i tuoi chetoni. Ti allontanerai completamente dal muro cercando di chiederti se hai un alto grado di autofagia che si verifica o no, e il fatto è che, a meno che tu non abbia accesso a un laboratorio da molti milioni di dollari, non lo saprai mai , ma l'unica cosa che puoi fare è effettivamente testare il tuo sangue e testare i tuoi chetoni. Chetoni più alti significano più in profondità in un digiuno.

I livelli di autofagia variano

Non preoccuparti di quale sia il tuo livello di autofagia in quel momento. E ricorda, la tua autofagia cambierà da organo a organo. Quindi, solo un'ultima cosa con cui lasciarti, solo perché l'autofagia è alta nel tuo fegato ad un certo punto nel tempo, non significa che non sia alta nei tuoi muscoli in un altro momento. Cambierà sempre, ruoterà sempre, a seconda di cosa stiamo facendo e di quale sia il nostro stile di vita in quel preciso momento. Ma l'unico denominatore comune, l'unico gold standard su cui possiamo sempre appoggiarci è testare i tuoi chetoni. Ed è per questo che lasci la misurazione al metro e lasci quell'ipotesi fuori dall'equazione.

Sono Thomas DeLauer e ci vediamo nel prossimo video di Keto-Mojo.

cta-booklet

Non nella nostra mailing list?
Iscriviti e ricevi 3 ricette facili e gourmet per la cena Keto-Mojo!

Noi di Keto-Mojo crediamo nella condivisione, condividendo importanti notizie, scienza e studi sulla comunità di cheto, fantastiche ricette di cheto, prodotti che amiamo e profili delle persone che ci ispirano.

Unisciti ora alla nostra community e ottieni 3 ricette esclusive non presenti sul nostro sito web.

Show Buttons
Hide Buttons
X