fbpx

Autofagia: pulizia cellulare e il segreto della longevità

Quando la tua casa si sporca, la pulisci. Se ti senti ambizioso, potresti persino sostituire alcune delle vecchie partite. Questo è quello che autofagia, o il consumo del corpo del proprio tessuto come processo di riciclaggio metabolico, fa per la tua altra casa più permanente: il tuo corpo. 

Quando attivi l'autofagia, attivi la pulizia cellulare. Prendi parti di cellule vecchie e danneggiate e le sostituisci con altre nuove. In un certo senso, l'autofagia aiuta a rigenerare il tuo corpo. 

Continua a leggere per scoprire come funziona l'autofagia, i vantaggi dell'autofagia e come attivare questo processo di riciclaggio cellulare. E sì, scoprirai anche l'interessante verità sul cheto e l'autofagia. 

Che cos'è l'autofagia?

Autofagia è un termine derivato dal greco antico. Auto significa sé phagy significa mangiare. Auto-mangiare. La traduzione si adatta bene. Quando attivi l'autofagia, le tue cellule iniziano letteralmente a mangiare da sole, riciclando vecchie parti e sostituendole con nuove.

Perché pulire e riciclare le parti delle celle? Perché col tempo accumulano danni. Questo danno è causato, in parte, da molecole chiamate specie reattive dell'ossigeno (ROS).

ROS non sono tutti cattivi. Sono generati come parte del normale metabolismo e sono preziose molecole di segnalazione immunitaria da avviare. 

Con l'avanzare dell'età, ROS può logorarsi e danneggiare i macchinari cellulari. Il termine "stress ossidativo", infatti, si riferisce all'usura che queste molecole hanno sulle tue cellule. 

Lo stress ossidativo è un affare serio e può letteralmente distruggere le membrane che circondano le cellule. Lo stress ossidativo inoltre corrode i mitocondri (piccoli organelli che alimentano le cellule) nel corso degli anni, portando a un declino funzionale. 

I tuoi mitocondri potrebbero usare un aggiornamento, ed è qui che entra in gioco l'autofagia. L'autofagia può, infatti, migliorare la funzione mitocondriale, specialmente nei disturbi neurodegenerativi come l'Alzheimer e il Parkinson.

Successivamente, per tutti voi amanti della scienza, un po 'di spiegazione su come funziona l'autofagia. 

Come funziona l'autofagia

L'autofagia non avviene in modo casuale. Le tue cellule devono ricevere un segnale di pulizia dal tuo corpo.  

Questo segnale è ampiamente controllato da due percorsi di rilevamento dei nutrienti:

  1. Proteina chinasi attivata dall'AMP (AMPK) - attiva l'autofagia
  2. bersaglio dei mammiferi della rapamicina (mTor) - questo inibisce l'autofagia

AMPK è il tuo avviso di avvertimento interno che il tuo corpo ha bisogno di sostanze nutritive. Innescato intenzionalmente da un digiuno o dalla fame, AMPK segnala al tuo corpo di accovacciarsi e attivare i meccanismi di difesa cellulare. Uno di questi meccanismi è l'autofagia.

MTor, d'altra parte, è un percorso di crescita e inibisce l'autofagia. Mangiare una bistecca aumenta mTor, mentre il digiuno la sopprime.

In poche parole: per incoraggiare l'autofagia, si desidera attivare AMPK e sopprimere mTor.

Una volta che l'autofagia si accende, le tue cellule iniziano a mangiare da sole. Tempo di pulizia! 

Ecco come funziona:

    • Il autofagosoma (una vescicola a doppia membrana contenente materiale cellulare destinato ad essere degradato dall'autofagia) trasporta spazzatura cellulare nel lisosoma (un organello contenente enzimi degradativi in una membrana)
    •  Il lisosoma libera gli enzimi per rompere la spazzatura cellulare in materiali utilizzabili, come gli amminoacidi
    • La tua cellula utilizza questi aminoacidi per formare nuove parti cellulari

Il fatto è che l'autofagia è meglio descritta come raccolta differenziata, non pulizia. I vecchi materiali non vengono sprecati, ma riallocati per nuovi progetti di costruzione. Abbastanza bello 

Perché indurre l'autofagia?

Perché indurre l'autofagia? Bene per uno: quando l'autofagia non è indotte, cose brutte sembrano accadere nel corpo umano. L'autofagia compromessa, infatti, è legata a un lungo elenco di malattie: Parkinson, Alzheimer, Huntington, Amiloidosi AL, malattie cardiache e cancro, per citarne alcune.

Eppure gran parte dei dati sui benefici dell'autofagia provengono da studi sugli animali; vermi, mosche e topi sacrificati in contesti controllati per misurare i livelli di autofagia.

Non è facile misurare l'autofagia nell'uomo. La persona media non è appassionata di biopsie muscolari. Quindi, tieni presente, quando leggi la sezione successiva, che i dati umani sui benefici dell'autofagia non sono esattamente di grado A. 

Keto-Mojo Benefits of Autophagy

I vantaggi dell'autofagia

Ecco un elenco di potenziali benefici dell'autofagia, insieme a brevi descrizioni della ricerca:

  • Longevità: In numerosi studi sugli animali, i ricercatori hanno dimostrato che l'aumento dell'autofagia (tramite digiuno, ingegneria genetica o integrazione) aumenta la durata della vita. Si applica agli umani? Poco chiaro.
  • Migliora il metabolismo: L'autofagia aiuta a proteggere le cellule beta del pancreas, che possono compensare la resistenza all'insulina nel diabete di tipo 2.
  • Protezione del cervello: Il digiuno attiva l'autofagia neuronale che aiuta a eliminare le proteine (come la beta amiloide) legate alla malattia neurodegenerativa. (Alzheimer, demenza, ecc.)
  • Soppressione del cancro: L'autofagia aiuta a rimuovere le proteine danneggiate coinvolte nella formazione del tumore. Tuttavia, una volta formato il tumore, l'autofagia può migliorare la sopravvivenza delle cellule tumorali.
  • Salute cardiovascolare: La ricerca suggerisce che l'attivazione dell'autofagia nel tessuto cardiaco può ridurre il rischio di malattie cardiache. Resta sintonizzato su questo.
  • Riparazione del DNA: Il danno al DNA è alla base di molte malattie. Sulla base di prove su animali e provette, gli scienziati ipotizzano che l'autofagia possa promuovere la riparazione del DNA e ridurre il rischio di malattie croniche.

Come attivare l'autofagia

Ricorda che AMPK alto e basso segnale autofagia. Il modo più affidabile per farlo accadere? Digiuno.

I digiuni lunghi inducono probabilmente più autofagia rispetto a quelli brevi, ma non ci sono ancora dati sufficienti per raccomandare un protocollo di autofagia ottimale. 

Ci sono una varietà di digiuni che sono popolari al momento. Alcuni sono digiuni liquidi che possono andare avanti per un determinato numero di giorni. C'è anche un digiuno intermittente, che implica mangiare all'interno di una finestra fissa su base giornaliera o semi-giornaliera; una versione popolare - "16/8" - prevede di mangiare in una finestra di 8 ore (diciamo, dalle 11 alle 19) e di digiunare per il resto della giornata (16 ore). 

Altri attivatori di autofagia includono:

Finalmente, l'argomento che stavate aspettando. Una dieta chetogenica a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di grassi induce l'autofagia?

Keto e Autofagia

Prove recenti suggeriscono che sì, una dieta cheto fa attivare l'autofagia; almeno negli animali. In uno studio del 2018, i ricercatori hanno dimostrato che l'assunzione di ratti in una dieta cheto aumentava l'autofagia e proteggeva il cervello dai danni indotti dalle crisi.

Ancora una volta, AMPK è la probabile forza motrice dell'effetto cheto-autofagico. Keto potenzia AMPK e AMPK segnala l'autofagia. C'è una ragione, dopo tutto, che il cheto si chiama a digiuno mima dieta. Sia il digiuno che il cheto cambiano il tuo metabolismo in modi simili.

L'ultima parola

Per riassumere ciò che hai appena imparato sull'autofagia:

  • L'autofagia si verifica quando le cellule digeriscono e riciclano le parti danneggiate.
  • AMPK e mTor & #8211; i tuoi percorsi di rilevamento dei nutrienti e #8211; governa il tuo livello di autofagia.
  • L'autofagia non riguarda solo la pulizia, ma anche il riutilizzo delle materie prime.
  • Sebbene i dati sull'uomo siano carenti, l'autofagia può favorire un invecchiamento in buona salute, salute del cuore, riparazione del DNA, salute del cervello e un metabolismo sano. 
  • Il digiuno è il modo più affidabile per attivare l'autofagia.
  • I primi dati sugli animali suggeriscono che una dieta cheto può indurre l'autofagia.

Mentre il mondo attende dati migliori, non preoccuparti di attivare l'autofagia. Velocemente ogni tanto, goditi una tazza di caffè e considera di provare una dieta cheto. Quindi rilassati, rilassati e immagina che le tue cellule si rinnovino. 

Riferimenti

cta-booklet

Non nella nostra mailing list?
Iscriviti e ricevi 3 ricette facili e gourmet per la cena Keto-Mojo!

Noi di Keto-Mojo crediamo nella condivisione, condividendo importanti notizie, scienza e studi sulla comunità di cheto, fantastiche ricette di cheto, prodotti che amiamo e profili delle persone che ci ispirano.

Unisciti ora alla nostra community e ottieni 3 ricette esclusive non presenti sul nostro sito web.

Show Buttons
Hide Buttons
X