L'obesità ha raggiunto proporzioni epidemiche. Oltre il 30% degli americani è obeso e circa 300.000 muoiono ogni anno per malattie legate all'obesità. Sebbene sia di per sé una condizione medica significativa, l'obesità aumenta anche il rischio di altre condizioni, come malattie cardiache, diabete, cancro e malattie neurodegenerative. Di conseguenza, l'obesità è un fattore di rischio significativo nella cartella clinica di un paziente.  

La perdita di peso è l'ovvio rimedio per l'obesità. Anche una riduzione del 5% del peso corporeo può migliorare significativamente la prognosi di una persona obesa. Tuttavia, trovare regimi di perdita di peso sostenibili rimane una sfida.

Una strada promettente è la dieta chetogenica ad alto contenuto di grassi, che promuove la perdita di peso attraverso una varietà di meccanismi e può di conseguenza invertire il diabete di tipo 2, un disturbo metabolico spesso intrecciato con l'obesità. 

Questo articolo esplora il problema dell'obesità, il suo legame con il diabete e come la dieta chetogenica può aiutare.  

Obesità definita

Una persona è considerata obesa quando è sua Indice di massa corporea (BMI) supera 30.

    • Sottopeso: inferiore a 18,5
    • Peso normale: Dal 18.5 al 24.9
    • Sovrappeso: Dal 25 al 29.9
    • Obeso: Oltre i 30
    • Patologicamente obesi: Al di sopra di 40

Per calcolare il tuo BMI, segui i calcoli seguenti:

Imperiale: [peso (libbre) / altezza (pollici) / altezza (pollici)] x 703

Metrico: [peso (kg) / altezza (cm) / altezza (cm)] x 10.000

La caratteristica principale dell'obesità è l'accumulo di grasso in eccesso. Questo grasso immagazzinato, chiamato il tessuto adiposo, è il modo in cui gli esseri umani immagazzinano energia a lungo termine, e non è necessariamente patologico. Ma nell'obesità viene immagazzinata troppa energia e il grasso corporeo si accumula a livelli pericolosi. 

Tuttavia, l'obesità non ha una sola causa. È una condizione multifattoriale in cui le scelte alimentari, l'esercizio fisico, lo stress, il sonno, la classe socioeconomica e la genetica possono svolgere un ruolo. Alcune varianti di un gene chiamato gene FTO, ad esempio, sembrano essere collegate all'aumento di peso in eccesso.

L'obesità in sé non è fatale, ma predispone una persona ad altre condizioni pericolose. Una persona obesa è a più alto rischio di malattie cardiache, ipertensione, Alzheimer, cancro, apnea notturna, diabete di tipo 2 e altre condizioni ed effetti collaterali indesiderati.

Diabesità: The Obesity Diabetes Link

Più di un terzo della popolazione americana è obesa. Molti sono diabetici o prediabetici. Questa tendenza è così pronunciata che i ricercatori hanno coniato il termine "diabesità" per descriverla.

L'epidemia di diabete è in gran parte un prodotto della dieta americana standard (SAD). Il SAD è notoriamente ricco di zuccheri e un'elevata assunzione di zucchero ha dimostrato di guidare l'obesità, la resistenza all'insulina e il diabete.

La progressione dallo zucchero alla diabesia è logica. Una dieta ricca di zuccheri aumenta i livelli di zucchero nel sangue, che a sua volta aumenta i livelli di insulina. Questa disregolazione dello zucchero nel sangue e dell'insulina alla fine porta a uno stato chiamato resistenza all'insulina, o l'incapacità delle cellule muscolari ed epatiche di immagazzinare efficacemente lo zucchero nel sangue, anche quando è presente l'insulina. Di conseguenza, la glicemia rimane alta, il pancreas rilascia più insulina, la resistenza all'insulina peggiora e il diabete progredisce. Livelli elevati di insulina favoriscono anche l'accumulo di grasso in eccesso, portando all'obesità.

Per invertire questa progressione, è fondamentale controllare i livelli di zucchero nel sangue e di insulina. È qui che entra in gioco la dieta chetogenica. 

Come la dieta chetogenica aiuta con l'obesità

La dieta chetogenica è una dieta ricca di grassi a basso contenuto di carboidrati progettata per indurre uno stato metabolico bruciagrassi chiamato chetosi. Nella chetosi, il corpo smette di rivolgersi a zucchero / glucosio per produrre energia e invece fa affidamento principalmente su acidi grassi e chetoni / corpi chetonici per l'energia. (Ciò si ottiene limitando fortemente l'assunzione di carboidrati in modo che il corpo debba invece bruciare i grassi e convertirli in chetoni da utilizzare per produrre energia.)

Come risultato del cambio di marcia energetica, per così dire, è necessaria meno glucosio per svolgere le normali funzioni. L'unico modo per entrare e rimanere in chetosi (e per ottenere la perdita di peso cheto) è mantenere livelli di chetoni ragionevolmente alti mangiando una dieta ricca di grassi sani, moderato nell'assunzione di proteine e pochissimo in termini di carboidrati.

Contrariamente alla credenza popolare, mantenere il suddetto piano alimentare cheto non riguarda solo i cheeseburger e il Bulletproof Coffee. Include carne, pesce, pollo, verdure e oli sani, come olio di cocco, olio d'oliva e olio MCT e, naturalmente, evitando tutti i cibi ad alto contenuto di carboidrati, inclusi dolcificanti e cereali integrali e lavorati. Ma l'elemento più importante è che l'assunzione giornaliera netta di carboidrati rimanga inferiore a 20 grammi.

La dieta chetogenica influenza il metabolismo in modo diverso rispetto alla dieta americana standard. Limitando i carboidrati, la dieta chetogenica mantiene bassi i livelli di zucchero nel sangue e di insulina. Invece di incoraggiare l'accumulo di grasso come il SAD, la dieta chetogenica incoraggia il corpo a utilizzare il grasso immagazzinato nel corpo e il grasso dall'assunzione giornaliera di cibo.  

Per questo motivo, le diete a basso contenuto di carboidrati si sono dimostrate efficaci per la perdita di peso, specialmente nelle popolazioni obese e diabetiche. C'è una quantità crescente di prove che indicano questo fatto. Considera questi:

  • Solo 24 settimane di dieta cheto ha migliorato i lipidi nel sangue e ha stimolato la perdita di peso nelle persone obese.
  • Gli adolescenti in sovrappeso hanno perso più peso con una dieta a basso contenuto di carboidrati che con una dieta a basso contenuto di grassi.
  • In coloro che mantengono obiettivi di perdita di peso, una dieta chetogenica ha aumentato il dispendio energetico e ridotto gli ormoni della fame rispetto a una dieta ricca di carboidrati.

Rivediamo perché, esattamente, la dieta chetogenica aiuta le persone obese a perdere peso:

  • Funzione dell'insulina

    Di tutti i macronutrienti, i carboidrati aumentano maggiormente i livelli di zucchero nel sangue e di insulina. Ne consegue che limitare il consumo di carboidrati in una dieta dimagrante chetogenica (mangiare cibi keto-friendly e meno calorie del necessario per l'omeostasi) e migliora questi marcatori nelle popolazioni obese e diabetiche. E lo fa. La glicemia diminuisce, l'insulina diminuisce e la funzione dell'insulina si stabilizza. Questo è il motivo per cui la dieta chetogenica è un trattamento così potente per il diabete di tipo 2. In uno studio controllato di un anno condotto da Virta Health, Il 60% dei pazienti che seguivano una dieta chetogenica controllata ha invertito il diabete. La perdita di peso media era di 30,4 libbre.

  • Gestione dell'appetito

Una dieta chetogenica ad alto contenuto di grassi può prevenire l'eccesso di cibo (e conseguente aumento di peso) da diversi meccanismi, tra cui:

- Diminuzione della grelina, l'ormone principale della fame
- Diminuzione del neuropeptideY, un fattore cerebrale che stimola l'appetito
- Aumento della sintesi dell'ormone colecistochinina (CCK), che favorisce una sensazione di pienezza legandosi all'ipotalamo

  • Funzione della leptina

    L'ormone leptina regola l'appetito e il peso corporeo legandosi ai recettori nel cervello. In poche parole, la leptina è un ormone della sazietà. Alti livelli di leptina, come alti livelli di insulina, sono collegati all'obesità. In particolare, la leptina alta provoca resistenza alla leptina. Quando qualcuno è resistente alla leptina, ha difficoltà a regolare l'assunzione di cibo. L'assunzione di alto contenuto di carboidrati aumenta la leptina circolante ed esacerba la resistenza alla leptina. La dieta chetogenica, d'altra parte, sembra migliorare la sensibilità alla leptina.

L'ultima parola

Non è un caso che i tassi di obesità e diabete di tipo 2 stiano aumentando di pari passo. Le due condizioni sono guidate da disordini metabolici simili: glicemia alta, insulina alta e resistenza all'insulina.

La ricerca mostra che la dieta cheto può aiutare. La rigorosa restrizione dei carboidrati della dieta chetogenica ha una miriade di benefici per la salute e può ripristinare la sensibilità all'insulina, migliorare la funzione della leptina, ridurre gli ormoni della fame, promuovere la perdita di peso (peso dell'acqua a breve termine / prima settimana e perdita di grasso nel tempo) e persino diabete di tipo 2 inverso. 

L'epidemia di obesità può essere fermata? Se la comunità medica, i dietisti e le persone a dieta abbracciano la dieta chetogenica, forse può farlo. 

Riferimenti

cta-booklet

Non nella nostra mailing list?
Iscriviti e ricevi 3 ricette facili e gourmet per la cena Keto-Mojo!

Noi di Keto-Mojo crediamo nella condivisione, condividendo importanti notizie, scienza e studi sulla comunità di cheto, fantastiche ricette di cheto, prodotti che amiamo e profili delle persone che ci ispirano.

Unisciti ora alla nostra community e ottieni 3 ricette esclusive non presenti sul nostro sito web.

Show Buttons
Hide Buttons
X