Se hai sentito parlare della dieta chetogenica in relazione al trattamento o all'eliminazione dell'infiammazione nel corpo, c'è una buona ragione: oltre ad essere ottima per la perdita di peso, la dieta chetogenica è una dieta naturalmente anti-infiammatoria. Quando si segue una dieta cheto, si riduce l'assunzione di carboidrati / zuccheri. Quando lo fai, riduci gli alimenti che alimentano l'infiammazione. In effetti, una delle prime cose che accade quando ci si abitua a una dieta chetogenica è che si perde rapidamente un po 'di peso iniziale. Stai dicendo addio al gonfiore che accompagna l'infiammazione. Ma c'è di più su cheto e infiammazione oltre a questo, e lo esploriamo qui. 

Che cos'è l'infiammazione?

L'infiammazione è una risposta naturale del corpo per rispondere a lesioni e infezioni. I globuli bianchi del corpo e le sostanze che producono vengono rilasciati nel corpo per combattere organismi, batteri, virus e qualsiasi cosa estranea che il tuo corpo ritenga una minaccia. E mentre questo è un processo molto critico per mantenerci in salute, troppa infiammazione può causare problemi nel corpo, tra cui dolori muscolari e articolari, arrossamenti, gonfiori, rigidità, affaticamento, mal di testa e altro ancora. Peggio ancora, sempre più malattie e disturbi sono associati all'infiammazione, tra cui l'Alzheimer, la demenza, i disturbi autoimmuni e il Parkinson, solo per citarne alcuni.

Quando parli di infiammazione, non puoi tralasciare gli inflammasomi della NLRP3. Gli inflammasomi NLRP3 sono un gruppo di complessi proteici che si formano per mediare le risposte immunitarie all'infezione microbica e al danno cellulare. I NLRP3 svolgono un ruolo importante nell'immunità innata, che è la nostra capacità di combattere i patogeni (batteri, funghi e virus) a cui non siamo mai stati precedentemente esposti. È la nostra prima linea di difesa per proteggere i nostri corpi da minacce esterne. E dalla sua scoperta nel 2002, NLRP3 è diventato un argomento di spicco quando si tratta di infiammazione a causa del suo coinvolgimento suggerito in diverse malattie autoimmuni (lupus, artrite reumatoide, sclerosi sistemica e malattia infiammatoria intestinale). Esistono nuove ricerche in corso sul processo di attivazione e regolazione degli inflammasomi della NLRP3 terapia dei macrofagi (i macrofagi sono un tipo di globuli bianchi che mangiano il cancro e altre cellule indesiderate) per aiutare a mitigare la disregolazione che porta a disturbi autoimmuni, infiammazione cronica e malattie metaboliche. (La disregolazione generalmente provoca uno squilibrio delle citochine pro-infiammatorie e gli inflammasomi NLRP3 attivati monitorano e aiutano a regolare i livelli di citochine pro-infiammatorie.)

In che modo la dieta chetogenica aiuta con l'infiammazione?

Come accennato in precedenza, la dieta chetogenica è naturalmente ricca di molti alimenti anti-infiammatori. È inoltre privo di alimenti noti per causare infiammazione. Guarda tu stesso con i due elenchi di seguito che evidenziano molti alimenti anti-infiammatori e alimenti che causano infiammazione. 

Alimenti antinfiammatori

I seguenti alimenti aiutano a combattere le risposte infiammatorie nel corpo. 

  • Uova
  • Olio d'oliva
  • Avocado
  • Olio di avocado
  • Pesci grassi (tonno, salmone, aringhe)
  • Spinaci
  • bietola
  • cavoli
  • cavolo
  • Cavolfiore
  • broccoli

Alimenti infiammatori 

Non basta mangiare solo le cose buone. Trai vantaggio anche evitando le cose cattive (ciao carboidrati amidacei), elencate di seguito. Tutti gli articoli sono esclusi da una dieta chetogenica ben bilanciata.

  • zuccheri
  • Cereali trasformati (grano, riso, orzo)
  • Verdure amidacee (patate, patate dolci, patate dolci, zucca butternut)
  • Frutto ad alto fruttosio (banane, ananas, arance)
  • Olio di mais
  • Olio di cartamo
  • Olio di semi di soia
  • Alimenti trasformati

Il ruolo dei chetoni nella lotta contro l'infiammazione

Quando segui correttamente una dieta chetogenica, sei in uno stato costante di chetosi. Ciò significa che il tuo corpo sta producendo il chetone BHB (beta-idrossibutirrato), che ha comprovata essere associato con l'attivazione di geni che migliorano funzione mitocondriale e riduzione dello stress ossidativo. chetosi attiva anche il Via AMPK (proteina chinasi attivata), che aiuta a regolare l'energia e ad inibire l'infiammazione Percorsi Nf-KB. (Nf-kB sta per fattore nucleare potenziatore della catena leggera kappa delle cellule B attivate; è un complesso proteico che controlla la trascrizione del DNA, la produzione di citochine e la sopravvivenza cellulare, quindi l'inibizione dell'infiammazione di queste vie è importante per la salute delle cellule.)

L'infiammazione cronica e lo stress ossidativo sono considerati due fattori chiave nello sviluppo dell'Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative, e recenti la ricerca sta dimostrando che la presenza di chetoni può ridurre la neuroinfiammazione. 

Ci sono anche statistiche più convincenti. Azienda sanitaria ad alta tecnologia VirtaHealth ha condotto numerosi studi clinici sulla chetosi nutrizionale e sulle malattie croniche colpite da infiammazione. In uno studio, contano entrambi i globuli bianchi e Proteina C-reattiva (CRP) sono stati drasticamente ridotti nel gruppo di dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati rispetto al gruppo di cure usuali a uno e due anni di follow-up. In particolare, la riduzione della PCR nel gruppo dieta chetogenica a un anno era paragonabile in grandezza (dal 35 al 40%) a quanto visto con le statine più potenti. Ma a differenza della statina, che sembra essere focalizzata principalmente sulla PCR e non ha alcun effetto sul numero di globuli bianchi, la chetosi nutrizionale si rivolge a entrambi (abbassando sia WBC che CRP), fornendo un effetto più equilibrato sulla rete di componenti bioattivi interagenti che influenzano l'infiammazione.

L'ultima parola

Nel complesso, la dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati ha molti effetti anti-infiammatori e benefici per la salute immunitaria che possono aiutare a prevenire e alleviare il dolore cronico e ad alleviare molte malattie autoimmuni e i loro sintomi. Con i benefici che possono potenzialmente cambiare la vita per alcuni, vale la pena esplorare cambiamenti dietetici sani con i tuoi professionisti medici in che modo la dieta chetogenica può essere utilizzata per aiutarti a gestire la tua infiammazione e generare effetti antinfiammatori, anche come misura precauzionale. Ridurre i carboidrati, incorporare buoni grassi sani (si pensi a avocado, olio di cocco e olio d'oliva) ed evitare zuccheri aggiunti (glucosio) sono i primi passi per rendere possibile una salute ottimale. Se praticata correttamente, una dieta cheto ricca di grassi e povera di carboidrati è uno stile di vita che ti farà sentire meglio che mai.

 

Keto-Mojo partecipa ad alcuni programmi di affiliazione e alcuni dei link sopra genereranno una piccola commissione se effettui un acquisto tramite un link di prodotto sul nostro sito. Ciò non comporta alcun costo per l'utente e tutti i proventi vanno direttamente alla Fondazione no-profit Ketogenic [501 (c) 3 in sospeso] per fornire assistenza nella formazione della missione e nella ricerca sulla dieta e lo stile di vita chetogenici. Keto-Mojo non beneficia in alcun modo di questi collegamenti.

Riferimenti

cta-booklet

Non nella nostra mailing list?
Sign up and get 5 Mouthwatering Mexican Recipes! Come spice up your life!

Noi di Keto-Mojo crediamo nella condivisione, condividendo importanti notizie, scienza e studi sulla comunità di cheto, fantastiche ricette di cheto, prodotti che amiamo e profili delle persone che ci ispirano.

Join our community now and spice up your mealtime with 5 new Mexican recipes!

Show Buttons
Hide Buttons
X