fbpx

Man mano che il coronavirus COVID-19 si diffonde, una cosa è diventata chiara: alcuni gruppi sono a maggior rischio di gravi complicanze. Oltre l'età avanzata, questi gruppi includono quelli con diabete, ipertensione, malattie cardiache e malattie renali. Cosa hanno in comune questi gruppi? Tendono ad avere un sistema immunitario compromesso. In effetti, al di là di queste specifiche condizioni mediche, un sistema immunitario compromesso, di per sé, ti pone in una categoria di rischio più elevato se ti ritrovi a combattere contro COVID-19.  

Sebbene non abbiamo dati sulla dieta chetogenica per il coronavirus, sappiamo che un forte sistema immunitario ci aiuta a combattere e recuperare meglio dai virus in generale rispetto a un sistema immunitario debole. Abbiamo anche forti indizi sul fatto che la dieta cheto supporti il sistema immunitario. Un esempio ovvio è che la dieta cheto può invertire il diabete di tipo 2, una condizione che riduce la funzione immunitaria e aumenta il rischio di gravi COVID-19.

In questo articolo, imparerai come COVID-19 sta colpendo alcuni gruppi più duramente di altri, in che modo la dieta chetogenica influenza i fattori di rischio di questi gruppi colpiti duramente e come una dieta cheto può giovare al sistema immunitario. 

Dichiarazione di non responsabilità rapida: questo articolo è solo a scopo informativo. Nulla qui dovrebbe essere preso come consiglio medico o come raccomandare una dieta chetogenica per il trattamento di COVID-19. 

Gruppi ad alto rischio per gravi COVID-19

COVID-19 non influenza tutti allo stesso modo. Alcune persone sono a rischio più elevato di sviluppare polmonite grave, ARDS (sindrome da distress respiratorio acuto) e altre complicanze se infettate con l'attuale ceppo di coronavirus, SARS-CoV2. Queste complicazioni si rivelano spesso fatali.

L'età è il primo fattore di rischio. Secondo i dati di 72.314 case record cinesi, il tasso di mortalità complessivo da COVID-19 è stato stimato al 2,3 percento. La maggior parte di questi decessi si è verificata in pazienti di età superiore ai 70 anni.

I dati cinesi hanno anche mostrato che circa il cinque percento di tutti i casi COVID-19 erano "critici", al contrario di "lievi" o "gravi". Di questi casi critici, circa la metà di essi aveva condizioni preesistenti tra cui:

    • Malattia del cuore
    • Diabete 
    • Malattia polmonare cronica
    • Cancro

Molte di queste condizioni, come il diabete e il cancro, sono ben note per compromettere la funzione immunitaria. Il CDC sta attualmente consigliando a questi gruppi di evitare contatti sociali quando possibile.

Altre condizioni che indeboliscono il sistema immunitario e probabilmente aumentano il rischio di COVID-19 includono:

    • Virus dell'immunodeficienza umana (HIV) e sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS)
    • Malattie da immunodeficienza primaria (PID)
    • Malignità linfoematogena (LHM)

Scaviamo un po 'più a fondo in due gruppi ad alto rischio: quelli con diabete e quelli con ipertensione. 

Diabete, ipertensione e COVID-19

Indipendentemente dall'età, il diabete e l'ipertensione (alta pressione sanguigna) sembrano essere fattori di rischio significativi per lo sviluppo di COVID-19 grave. I motivi per cui, tuttavia, non sono ancora chiari. 

Una ragione potrebbe essere l'immunocompromissione. Il diabete altera la normale funzione immunitaria (la capacità del corpo di combattere le infezioni). Questo è un effetto parzialmente guidato dall'elevato livello di glucosio nel sangue e potrebbe ostacolare la capacità di combattere il virus.

I ricercatori ritengono inoltre che sia coinvolta una proteina chiamata ACE2. L'ACE2 esiste nei polmoni, nei vasi sanguigni, nei reni e nel cuore. Ciò che è rilevante qui è che il coronavirus utilizza ACE2 per legarsi (e infettare) le cellule dei polmoni. Quindi, qualsiasi cosa che aumenti l'espressione dell'ACE2, in teoria, potrebbe peggiorare l'infezione SARS-CoV-2.

È qui che entra in gioco il diabete e l'ipertensione. Una grande percentuale di persone con queste condizioni sono in terapia con farmaci chiamati ACE-inibitori per abbassare la pressione sanguigna. Gli ACE-inibitori abbassano la pressione sanguigna - sì - ma aumentano anche l'espressione dell'ACE2. (Confuso, sì, ma capisci che ACE non è lo stesso di ACE2) e ACE2, come hai appena appreso, potrebbe essere pro-coronavirus.

Parlate con il vostro medico se avete dubbi su eventuali farmaci che state assumendo. Il resto di questo articolo esamina come la dieta cheto influisce sull'immunità e come è possibile rafforzare il sistema immunitario usando il cheto, che a sua volta rafforza la capacità del corpo di combattere virus e infezioni. 

 Ulteriori informazioni su come la dieta chetogenica può alleviare il diabete. 

Keto-Mojo-KetoDiet-ImmuneSystem

5 modi in cui Keto avvantaggia il sistema immunitario

Poiché i pazienti immunocompromessi sono a maggior rischio di COVID-19 estremo, è fondamentale sostenere il sistema immunitario in questa popolazione. Ciò significa dormire molto, affrontare eventuali carenze nutrizionali e seguire una dieta sana. Sebbene nessuna dieta prevenga l'infezione virale, alcuni modi di mangiare sono chiaramente migliori di altri per migliorare la salute immunitaria e dare al tuo corpo la possibilità di combattere per proteggersi al meglio. La dieta chetogenica è nota per le proprietà del sistema pro-immunitario, che possono essere utili per migliorare il sistema immunitario durante questo periodo difficile e in generale. 

Di seguito sono riportati cinque modi in cui la dieta cheto è nota per migliorare il sistema immunitario:

#1: Keto combatte il diabete 

Abbiamo già detto che le persone con diabete hanno un rischio più elevato di COVID-19 estremo. La dieta cheto ha dimostrato, in più studi, di ridurre sia la glicemia sia la pressione arteriosa nei soggetti con diabete di tipo 2 e ipertensione. E quando si migliora o addirittura si inverte il diabete, si migliora anche la salute immunitaria. Come questo si applica a COVID-19, tuttavia, rimane una domanda aperta. 

#2: Keto ha effetti anti-infiammatori

La dieta Tke Keto è una dieta anti-infiammatoria. Quando elimini la maggior parte dei carboidrati dalla tua dieta, stai eliminando la maggior parte dello zucchero, che è noto per causare infiammazione. Ma c'è di più. Quando si mangia una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati, il fegato risponde bruciando grassi e producendo chetoni, incluso il beta-idrossibutirrato di corpo chetonico (BHB), che, interessante, può aiutare limitare l'infiammazione.

L'infiammazione, a proposito, si riferisce semplicemente all'attività immunitaria. Questa attività ha lo scopo di identificare, contenere e distruggere le infezioni dannose. Ma a volte, la risposta immunitaria sfugge al controllo e danneggia le cellule. BHB può mitigare questo problema modificando la risposta infiammatoria. Nei topi, una simile modifica immunitaria ha comportato una riduzione della gravità dell'influenza.

Maggiori informazioni su come la dieta chetogenica riduce l'infiammazione.

#3: Keto riduce la gravità dell'influenza (nei topi)

In uno studio del 2019 del Journal of Immunology, i ricercatori hanno scoperto che una dieta cheto proteggeva i topi dal virus dell'influenza H1N1. Ecco il disegno dello studio. Metà dei topi sono stati nutriti con alto contenuto di carboidrati, metà dei topi sono stati nutriti con cheto, quindi tutti i topi sono stati infettati dall'influenza. I topi cheto andavano meglio. Dopo quattro giorni, tutti i topi ad alto contenuto di carboidrati erano morti, ma metà dei topi cheto erano sopravvissuti.

I benefici, secondo l'articolo, sono stati guidati da cellule immunitarie specializzate chiamate cellule T gamma-delta. Queste cellule (che erano più attive nei topi cheto) aumentavano la produzione di muco nei loro polmoni e aiutavano a limitare la diffusione virale. 

#4: autofagia potenziata

L'autofagia è un processo attraverso il quale le cellule riciclare parti vecchie e danneggiate e sostituirli con nuovi. Fuori con il vecchio, dentro con il nuovo. 

Il sistema immunitario si affida all'autofagia correttamente funzionante per rimanere robusta e allontanare i germi. Molti agenti patogeni hanno persino sviluppato meccanismi anti-autofagici per evitare queste difese. 

Da dove viene keto? Nei ratti, una dieta chetogenica aumentava l'autofagia e proteggeva il cervello dai danni indotti dalle convulsioni.

Ulteriori informazioni sull'autofagia.

#5: Salute intestinale

Se si desidera ridurre al minimo l'infiammazione, è necessario mantenere un intestino sano. Quando l'intestino diventa fuoriuscito, le particelle scivolano attraverso la barriera intestinale, che a sua volta segnala al sistema immunitario di attaccare. Questo è non una risposta immunitaria sana. 

Keto può aiutare. In uno studio del 2019 pubblicato in Cellula, livelli più alti di chetoni erano collegati all'aumentata produzione di cellule staminali intestinali (che aiutano a guarire l'intestino) nei topi. La dieta cheto priva anche i batteri patogeni dell'intestino del loro cibo preferito: lo zucchero. 

 Ulteriori informazioni sulla salute dell'intestino.

L'ultima parola

Ricapitoliamo i punti principali di questo articolo:

    • Quelli con diabete, malattie cardiache, ipertensione, cancro e sistemi immunitari compromessi sono a maggior rischio di gravi complicanze della COVID-19.
    • Il collegamento ipertensione - COVID-19 può essere guidato, in parte, dall'aumentata espressione di ACE2, una proteina stimolata da farmaci chiamati ACE-inibitori. 
    • La dieta cheto può supportare un'immunità sana invertendo il diabete di tipo 2, limitando l'infiammazione, aumentando le cellule T protettive, migliorando l'autofagia e migliorando la salute dell'intestino.

Infine, il modo migliore per evitare l'infezione è evitare l'esposizione al virus. Si prega di seguire il Guida del CDC per le ultime raccomandazioni su COVID-19.

 

Riferimenti

cta-booklet

Non nella nostra mailing list?
Iscriviti e ricevi 3 ricette facili e gourmet per la cena Keto-Mojo!

Noi di Keto-Mojo crediamo nella condivisione, condividendo importanti notizie, scienza e studi sulla comunità di cheto, fantastiche ricette di cheto, prodotti che amiamo e profili delle persone che ci ispirano.

Unisciti ora alla nostra community e ottieni 3 ricette esclusive non presenti sul nostro sito web.

Show Buttons
Hide Buttons
X