Mentre il coronavirus COVID-19 continua a diffondersi nel corso del 2020, una cosa è diventata chiara: alcuni gruppi hanno un rischio maggiore di gravi complicazioni. Oltre l’età avanzata, questi gruppi includono quelli con diabete, ipertensione, malattie cardiache e malattie renali. Cosa hanno in comune questi gruppi? Tendono ad avere un sistema immunitario compromesso. Infatti, al di là di queste specifiche condizioni mediche, un sistema immunitario compromesso, di per sé, ti colloca in una categoria a rischio più elevato nel caso in cui ti trovassi a combattere il COVID-19 durante la pandemia.  

Sebbene non disponiamo di dati sulla dieta chetogenica per il coronavirus, sappiamo che un sistema immunitario forte ci aiuta a combattere e recuperare meglio dai virus in generale rispetto a un sistema immunitario debole. Abbiamo anche forti indizi che la dieta cheto a basso contenuto di carboidrati supporti il ​​sistema immunitario. Un esempio ovvio è che la dieta cheto può invertire il diabete di tipo 2, una condizione che diminuisce la funzione immunitaria e aumenta il rischio di contrarre una forma grave di COVID-19.

In questo articolo imparerai come il COVID-19 sta colpendo alcuni gruppi più duramente di altri, come la dieta chetogenica influisce sui fattori di rischio di questi gruppi duramente colpiti e come una dieta ricca di grassi può apportare benefici al sistema immunitario molto meglio di una dieta ricca di carboidrati può. 

Breve disclaimer: questo articolo è solo a scopo informativo. Nulla di quanto riportato qui dovrebbe essere interpretato come un consiglio medico o come una raccomandazione di una dieta chetogenica per trattare il COVID-19. 

Gruppi ad alto rischio di COVID-19 grave

Il COVID-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Alcune persone corrono un rischio maggiore di sviluppare polmonite grave, ARDS (sindrome da distress respiratorio acuto) e altre complicazioni se infettate dall’attuale ceppo di coronavirus, SARS-CoV2. Queste complicazioni spesso si rivelano fatali.

L’età è il primo fattore di rischio. Secondo i dati di 72,314 casi cinesi, il tasso di mortalità complessivo dovuto a COVID-19 è stato stimato al 2.3%. La maggior parte di questi decessi si è verificata in pazienti di età superiore a 70 anni.

I dati cinesi hanno anche mostrato che circa il 19% di tutti i casi di COVID-XNUMX erano “critici”, anziché “lievi” o “gravi”. Di questi casi critici, circa la metà di essi aveva condizioni preesistenti tra cui:

    • Malattia del cuore
    • Diabete 
    • Malattia polmonare cronica
    • Cancro

È noto che molte di queste condizioni, come il diabete e il cancro, compromettono la funzione immunitaria. Il CDC sta attualmente consigliando a questi gruppi di evitare il contatto sociale quando possibile.

Altre condizioni che indeboliscono il sistema immunitario e probabilmente aumentano il rischio di COVID-19 includono:

    • Virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS)
    • Malattie da immunodeficienza primaria (PID)
    • Tumori linfoematogeni (LHM)

Esaminiamo un po' più a fondo due gruppi ad alto rischio: quelli con diabete e quelli con pressione alta. 

Diabete, ipertensione e COVID-19

Indipendentemente dall’età, il diabete e l’ipertensione (pressione alta) sembrano essere fattori di rischio significativi per lo sviluppo di una forma grave di COVID-19. Le ragioni, però, non sono ancora chiare. 

Una ragione potrebbe essere l’immunocompromissione. Il diabete compromette la normale funzione immunitaria (la capacità del corpo di combattere le infezioni). Questo è un effetto parzialmente causato dall’alto livello di glucosio nel sangue e potrebbe ostacolare la capacità di combattere il virus.

I ricercatori ritengono inoltre che sia coinvolta una proteina chiamata ACE2. L'ACE2 esiste nei polmoni, nei vasi sanguigni, nei reni e nel cuore. Ciò che è rilevante in questo caso è che il coronavirus utilizza l’ACE2 per legarsi (e infettare) le cellule dei polmoni. Quindi, tutto ciò che aumenta l’espressione di ACE2, in teoria, potrebbe peggiorare l’infezione da SARS-CoV-2.

È qui che entrano in gioco il diabete e l'ipertensione. Una grande percentuale di persone con queste condizioni assume farmaci chiamati ACE inibitori per abbassare la pressione sanguigna. Gli ACE inibitori abbassano la pressione sanguigna – sì – ma aumentano anche l’espressione di ACE2. (Confusione, sì, ma capisci che ACE non è la stessa cosa di ACE2) e ACE2, come hai appena appreso, potrebbe essere pro-coronavirus.

Parla con il tuo medico se hai dubbi su eventuali farmaci che stai assumendo. Il resto di questo articolo esamina come la dieta cheto influisce sull'immunità e come puoi rafforzare il tuo sistema immunitario utilizzando la dieta cheto, che, a sua volta, rafforza la capacità del tuo corpo di combattere virus e infezioni. 

 Scopri di più su come la dieta chetogenica può alleviare il diabete. 

5 modi in cui Keto apporta benefici al sistema immunitario

Poiché i pazienti immunocompromessi corrono un rischio più elevato di COVID-19 estremo, supportare il sistema immunitario in questa popolazione è fondamentale. Ciò significa dormire molto, affrontare eventuali carenze nutrizionali e seguire una dieta sana. Sebbene nessuna dieta prevenga l’infezione virale, alcuni modi di mangiare sono chiaramente migliori di altri per migliorare la salute immunitaria e dare al tuo corpo la possibilità di combattere per proteggersi nel miglior modo possibile. La dieta chetogenica, e mantenere il corpo in chetosi in cui il corpo brucia i grassi come combustibile, è nota per le proprietà pro-immunitarie, che possono essere utili per migliorare il sistema immunitario durante questo periodo difficile e in generale. 

Di seguito sono riportati cinque modi in cui è noto che la dieta cheto migliora il sistema immunitario:

N. 1: Keto combatte il diabete 

Abbiamo già detto che le persone con diabete corrono un rischio maggiore di COVID-19 estremo. In numerosi studi è stato dimostrato che la dieta cheto abbassa sia lo zucchero nel sangue che la pressione sanguigna nei soggetti con diabete di tipo 2 e ipertensione. E quando si migliora o addirittura si inverte il diabete, si migliora anche la salute immunitaria. Come ciò si applichi al COVID-19, tuttavia, rimane una questione aperta. 

N. 2: Keto ha effetti antinfiammatori

La dieta cheto è una dieta antinfiammatoria. Quando elimini la maggior parte dei carboidrati dalla tua dieta, elimini anche la maggior parte degli zuccheri, che notoriamente causano infiammazioni. Ma c'è di più. Quando segui una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati, il tuo fegato risponde bruciando grassi e producendo chetoni, incluso il beta-idrossibutirrato (BHB) del corpo chetonico, che, curiosamente, può aiutare limitare l'infiammazione.

L'infiammazione, tra l'altro, si riferisce semplicemente all'attività immunitaria. Questa attività ha lo scopo di identificare, contenere e distruggere le infezioni dannose. Ma a volte la risposta immunitaria va fuori controllo e danneggia le cellule. Il BHB può mitigare questo problema modificando la risposta infiammatoria. Nei topi, una simile modificazione immunitaria ha comportato una diminuzione della gravità dell’influenza.

Leggi di più su come la dieta chetogenica riduce l'infiammazione.

# 3: Keto riduce la gravità dell'influenza (nei topi)

Spostati sulla zuppa di pollo. In uno studio del 2019 del Journal of Immunology, i ricercatori hanno scoperto che una dieta cheto proteggeva i topi dal virus dell'influenza H1N1. Ecco il disegno dello studio. Metà dei topi sono stati nutriti con un alto contenuto di carboidrati, metà dei topi sono stati nutriti con cheto, quindi tutti i topi sono stati infettati dall'influenza. I topi cheto se la sono cavata meglio. Dopo quattro giorni, tutti i topi ad alto contenuto di carboidrati erano morti, ma la metà dei topi cheto erano sopravvissuti.

I benefici, secondo lo studio, sono dovuti a cellule immunitarie specializzate chiamate cellule T gamma-delta. Queste cellule (che erano più attive nei topi cheto) hanno aumentato la produzione di muco nei polmoni e hanno contribuito a limitare la diffusione virale. 

# 4: Autofagia migliorata

L'autofagia è un processo mediante il quale le cellule riciclare le parti vecchie e danneggiate e sostituirli con altri nuovi. Fuori il vecchio, dentro il nuovo. 

Il sistema immunitario fa affidamento sull’autofagia correttamente funzionante per rimanere robusto e allontanare i germi. Molti agenti patogeni hanno addirittura sviluppato meccanismi anti-autofagia per evitare queste difese. 

Dove entra in gioco il cheto? Nei ratti, una dieta chetogenica ha aumentato l’autofagia e ha protetto il cervello dai danni indotti dalle convulsioni.

Ulteriori informazioni sull'autofagia.

# 5: Salute dell'intestino

Se vuoi ridurre al minimo l'infiammazione, devi farlo mantenere un intestino sano. Quando l’intestino perde, le particelle scivolano attraverso la barriera intestinale, che a sua volta segnala al sistema immunitario di attaccare. Questo è non una risposta immunitaria sana. 

Cheto può aiutare. In uno studio del 2019 pubblicato su Cella, livelli più elevati di chetoni sono stati collegati a un aumento della produzione di cellule staminali intestinali (che aiutano a guarire l’intestino) nei topi. La dieta cheto priva anche i batteri intestinali patogeni del loro cibo preferito: lo zucchero. 

 Ulteriori informazioni sulla salute dell'intestino.

La Parola Finale

Ricapitoliamo i punti principali di questo articolo:

    • Quelli con diabete, malattie cardiache, ipertensione, cancro e sistema immunitario compromesso corrono un rischio maggiore di gravi complicanze da COVID-19.
    • Il collegamento ipertensione-COVID-19 può essere guidato, in parte, da una maggiore espressione di ACE2, una proteina stimolata da farmaci chiamati ACE inibitori. 
    • Sebbene sia ottima per la perdita di peso, la dieta cheto può anche supportare un’immunità sana invertendo il diabete di tipo 2, limitando l’infiammazione, aumentando le cellule T protettive, migliorando l’autofagia e migliorando la salute dell’intestino.

Infine, il modo migliore per evitare l’infezione è evitare l’esposizione al virus. Si prega di seguire il Guida del CDC per le ultime raccomandazioni su COVID-19 e consulta un operatore sanitario prima di modificare radicalmente la tua dieta.

 

Referenze

libretto cta

Ottieni il nostro eBook GRATUITO con ricette keto e la newsletter via e-mail!

Creiamo ricette cheto davvero eccezionali, le testiamo per assicurarci che funzionino nella tua cucina e te le consegniamo direttamente!

X