La dieta chetogenica è stata una parola d'ordine negli ultimi anni, e per una buona ragione! Ci sono molti presunti benefici per la salute derivanti dall'utilizzo di una dieta a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi che vanno dalla perdita di peso, alla riduzione dell'infiammazione, persino al miglioramento dell'energia e della cognizione. Attualmente, nonostante i limiti presentati da COVID-19, ci sono quasi 70 studi clinici aperti o in procinto di iniziare il reclutamento per vedere se gli effetti benefici della dieta possono essere convalidati. Ma che dire della ricerca sul cancro intorno alla dieta chetogenica per tipi di cancro, come carcinoma, melanoma, cancro alla prostata, cancro al colon e altri? Può aiutare a sostenere o sostituire il trattamento standard? Continua a leggere per scoprire cosa sappiamo in questo momento. 

Storia della dieta chetogenica come trattamento

La dieta chetogenica classica è una dieta ricca di grassi, moderata di proteine e povera di carboidrati. Limita i carboidrati come quelli che si trovano nel pane, nella pasta, nel riso, nei cracker, nello zucchero, negli ortaggi a radice come le patate, nella maggior parte dei frutti e persino in alcuni latticini in modo che il tuo corpo utilizzi i grassi dalla tua dieta e immagazzinati nel corpo come fonte di energia primaria. La dieta è un trattamento medico consolidato per l'epilessia pediatrica refrattaria o per i bambini che hanno convulsioni e non rispondono ai loro farmaci antiepilettici. Il suo primo utilizzo documentato negli Stati Uniti risale agli anni '20. Nonostante sia in circolazione da 100 anni, attualmente abbiamo pochissimi studi sull'uomo con prove a sostegno del suo utilizzo in diverse malattie, come il cancro. Questo, oltre alla grande attenzione dei media sulla dieta, ha portato a molta confusione su cosa sia e cosa non sia la dieta cheto e su chi ne trarrebbe beneficio. Allora, qual è la dieta, esattamente?

Principi di base della dieta chetogenica        

Per prima cosa, esaminiamo il normale metabolismo dei nutrienti. Abbiamo tre principali macronutrienti: proteine, carboidrati e grassi. Questi sono i nostri elementi costitutivi della dieta per il fabbisogno energetico e di carburante del corpo. Per poter utilizzare queste fonti di energia e immagazzinarle per un uso successivo, devono essere suddivise in componenti più piccoli che il nostro corpo può utilizzare. Per dirla semplicemente, i carboidrati vengono scomposti in uno zucchero chiamato glucosio. Le proteine vengono scomposte in amminoacidi. Poi ci sono i grassi, che vengono scomposti in acidi grassi liberi. 

Nel normale metabolismo dei nutrienti (noto anche come Standard American Diet o SAD), le persone usano il glucosio come fonte primaria di carburante per produrre energia e i loro livelli di glucosio nel sangue tendono ad essere più alti. Quando le persone trascorrono lunghi periodi di tempo senza mangiare (cioè digiunando) o seguono una dieta chetogenica, usano il sottoprodotto del metabolismo dei grassi, chiamato corpi chetonici, invece del glucosio come fonte primaria di carburante. Quando usi il grasso come carburante e produci una quantità sufficiente di corpi chetonici (di solito ≥ 0,5 mmol / M), entri in uno stato metabolico chiamato chetosi.  

Tipi di diete chetogeniche       

Esistono molti tipi diversi di diete chetogeniche che vengono attualmente seguite e rese popolari per i loro potenziali benefici per la salute e la promessa di una migliore qualità della vita (specialmente per le persone con obesità o diabete). La maggior parte richiede un massimo di 20 grammi di carboidrati al giorno. Ma ci sono altre sfumature. Alcune diete cheto, in particolare quelle utilizzate per ragioni terapeutiche come inibire la crescita del tumore o la crescita del cancro, raccomandano rapporti specifici di macronutrienti come mezzo per stabilire quanti grassi consumare rispetto all'assunzione di proteine e carboidrati. UN Dieta chetogenica "4: 1" è un buon esempio; richiede di mangiare quattro volte più grammi giornalieri di grassi rispetto ai grammi di proteine e carboidrati combinati. Nel frattempo, la "dieta MCT" consente di mangiare più carboidrati rispetto alla maggior parte delle altre diete cheto perché è integrata con abbondanza di Olio di trigliceridi a catena media (olio MCT), che aiuta a garantire il raggiungimento della chetosi nonostante i carboidrati extra consumati. Questo può funzionare perché l'olio MCT non richiede alcuna scomposizione per l'assorbimento, va direttamente al fegato per creare corpi chetonici e attenua il normale picco di glucosio che si verifica dopo aver consumato carboidrati. Un altro tipo di dieta chetogenica utilizza l'indice glicemico degli alimenti, che misura come un alimento influirà sulla nostra glicemia, come un modo per mangiare e mantenere la chetosi. 

Il metabolismo del cancro

Il premio Nobel, Otto Warburg, identificato attraverso le sue ricerche all'inizio degli anni '20esimo secolo che l'80 per cento delle cellule tumorali umane ha un maggiore uso di glucosio, non utilizzando ossigeno, al fine di produrre pochissima energia (questo è noto tra gli oncologi come effetto Warburg). Questo è incredibilmente insolito rispetto al normale metabolismo energetico cellulare, dove una piccola quantità di glucosio produce una grande quantità di energia con la presenza di ossigeno. Ciò significa semplicemente che il metabolismo della maggior parte delle cellule tumorali è alterato. La dieta chetogenica può potenzialmente modificare il metabolismo e la crescita del tumore riducendo la quantità di glucosio e altri nutrienti, come l'insulina e il fattore di crescita simile all'insulina (IGF-1), andando al tumore che promuove la crescita incontrollata. Questo può ridurre o creare l'inibizione del sistema vascolare (flusso sanguigno) che va al tumore che trasporta i nutrienti necessari alle cellule tumorali. A sua volta, il sangue trasporta l'ossigeno, quindi questo può aiutare a portare più ossigeno ai tessuti intorno al tumore. Tutti questi fattori rendono molto meno favorevole la crescita delle cellule tumorali. 

Ricerca sulla dieta chetogenica e sul cancro 

L'interesse nel condurre ricerche per studiare gli effetti della dieta chetogenica sul cancro è cresciuto, sebbene ci sia molto di più che deve essere fatto. Recentemente, c'è stato uno studio promettente che ha esaminato la dieta chetogenica per ridurre la massa grassa, l'insulina e l'IGF-1 nei pazienti obesi con cancro dell'endometrio e delle ovaie, riducendo così potenzialmente il loro carico tumorale. Ci sono anche studi in corso che esaminano come uno dei corpi chetonici misurato nel sangue, il beta-idrossibutirrato, possa effettivamente funzionare come antiossidante per ridurre al minimo i danni ad altre cellule sane. Ci sono state prove ben documentate, specialmente negli studi preclinici sugli animali, che la dieta chetogenica può essere di supporto con il trattamento del tumore al cervello.

C'è una quantità sempre crescente di prove in crescita a sostegno dell'uso della dieta cheto, in particolare per i pazienti con tumore al cervello. Nella nostra clinica per i tumori cerebrali, generalmente raccomandiamo e usiamo diete chetogeniche "classiche" per i nostri pazienti, o circa una dieta chetogenica 3: 1. Ciò si traduce in circa l'80% delle calorie totali provenienti dai grassi; o 1.600 calorie provenienti dal solo grasso per qualcuno che mangia 2.000 calorie al giorno. Questo rapporto specifico è allo studio per vedere se può essere considerato terapeutico all'interno della neuro-oncologia e, a mio parere, è ottimale per diversi motivi. 

Attualmente stiamo utilizzando la dieta nella nostra sperimentazione clinica di fase I. entro i primi tre mesi dalla diagnosi di glioblastoma multiforme (il tipo più aggressivo di cancro al cervello), prima, durante o dopo il loro standard di cura, costituito da chemioterapia orale e radiazioni. Durante questo periodo, molti pazienti assumono steroidi. Un effetto collaterale molto noto di questi steroidi è l'iperglicemia (alto livello di zucchero nel sangue). Avere questo rapporto 3: 1 di grassi nella dieta garantisce che i pazienti possano ottenere la chetosi, nonostante questo effetto collaterale. Un altro motivo per questo alto rapporto di grasso è che la maggior parte dei pazienti con tumori cerebrali ha convulsioni. I grassi forniscono nove calorie per grammo, mentre i carboidrati e le proteine hanno quattro calorie per grammo. Pertanto, il grasso fornisce un flusso di energia più costante, portando a cambiamenti nelle concentrazioni di neurotrasmettitori all'interno del cervello e variazioni del microbiota intestinale e crea un ambiente meno favorevole nel cervello per avere un attacco. Infine, se pianificato correttamente, avere la maggior parte del grasso proveniente da acidi grassi mono e polinsaturi, noti anche come omega-3 e omega-6, può aiutare a ridurre l'infiammazione, compreso l'edema cerebrale o il gonfiore cerebrale che questi pazienti possono sperimentare.

Finora, gli studi che hanno il maggior supporto per la dieta chetogenica come terapia del cancro sono principalmente per i tumori cerebrali. C'è stata una pletora di prove convincenti dalla biologa del cancro e ricercatrice sul cancro al cervello Dr.Adrienne Scheck, e il suo laboratorio sta esaminando se e come la dieta chetogenica sensibilizza le cellule di glioma maligno per essere uccise e salva le cellule normali durante la chemioterapia e le radiazioni.

Inoltre, il dottor Thomas Seyfried studia da oltre 20 anni la dieta chetogenica e i suoi effetti sull'epilessia e sui tumori cerebrali. Ha pubblicato oltre 20 articoli sull'argomento, con le più recenti serie di casi pubblicate che hanno riguardato un uomo di 38 anni con glioblastoma che utilizzava la dieta insieme ad altre terapie metaboliche, che ha stabilizzato la sua malattia per 3 anni. La dieta è attualmente in fase di studio per il cancro dell'endometrio, il cancro al seno e altri tumori avanzati. Ad oggi non ci sono prove che supportino l'uso della dieta chetogenica da sola come un modo per curare il cancro.

Note cautelative       

Per quanto promettenti possano sembrare i progressi di cui sopra, ci sono diverse considerazioni a cui pensare prima di iniziare questa dieta se si ha una diagnosi di cancro e si è in trattamento attivo. Ad esempio, se hai una diagnosi di cancro del polmone non a piccole cellule, cancro esofageo, pancreatico, gastrico e / o stai subendo un trapianto di cellule staminali, il tuo metabolismo tende ad essere alterato e bruci calorie molto più velocemente rispetto ad altre diagnosi di cancro. Questo può portare a una rapida perdita di peso, che è pericolosa quando hai già perso peso o hai difficoltà a mantenere il peso durante il trattamento del cancro. La perdita di peso è molto comune nella dieta chetogenica. Inoltre, il cancro del pancreas e i tumori del dotto biliare e della cistifellea tendono ad avere un malassorbimento dei grassi e di conseguenza potrebbero non beneficiare di una dieta chetogenica. Ci sono anche considerazioni se si è in trattamento e si hanno effetti collaterali di impatto nutrizionale che possono essere difficili da gestire con la dieta, come diarrea e nausea. L'appetito e l'assunzione inadeguati sono comuni durante le terapie per il trattamento del cancro. Alcune persone che non mangiano regolarmente sono inclini all'ipoglicemia, hanno un certo tumore neuroendocrino del pancreas o stanno assumendo farmaci ipoglicemizzanti come la metformina, possono sperimentare zuccheri nel sangue molto bassi. Questo effetto è migliorato sulla dieta e può essere molto pericoloso.       

Conclusioni finali

Allora, qual è il magro in questa dieta cheto e cancro? Secondo me, devi davvero prendere in considerazione molti fattori diversi. Hai una diagnosi di cancro che è attualmente in fase di ricerca per la dieta chetogenica o c'è qualche ricerca per supportarla? Hai recentemente perso o aumentato di peso involontariamente? Stai avendo effetti collaterali dal tuo trattamento che hanno avuto un impatto sul tuo mangiare? Sei in sopravvivenza? Incoraggio chiunque abbia il cancro o che abbia avuto il cancro e stia pensando di utilizzare la dieta chetogenica come aggiunta al loro piano di trattamento a parlarne con il proprio medico, oncologo e dietista registrato, e ad evitare di seguire la dieta senza un'adeguata supervisione.

LJ Amaral, MS, RD, CSO, è certificata dal consiglio di amministrazione in nutrizione oncologica. Amaral ha frequentato l'Università del Connecticut dove ha conseguito un Bachelor of Science in scienze nutrizionali e ha conseguito il Master of Science in nutrizione clinica e dietetica presso la New York University, mentre successivamente ha completato il suo tirocinio per diventare dietista registrato presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di Manhattan . Attualmente si trova nel centro ambulatoriale per il cancro al Cedars-Sinai a Los Angeles, in California, come dietista clinica e di ricerca, e sta ricercando l'efficacia della dieta chetogenica come terapia per le neoplasie del sistema nervoso centrale. Amaral è specializzato nella nutrizione del cancro durante il trattamento, per la sopravvivenza, per la prevenzione del cancro e, in particolare, nelle diete chetogeniche terapeutiche.

 

Riferimenti

cta-booklet

Non nella nostra mailing list?
Sign up and get 5 Mouthwatering Mexican Recipes! Come spice up your life!

Noi di Keto-Mojo crediamo nella condivisione, condividendo importanti notizie, scienza e studi sulla comunità di cheto, fantastiche ricette di cheto, prodotti che amiamo e profili delle persone che ci ispirano.

Join our community now and spice up your mealtime with 5 new Mexican recipes!

Show Buttons
Hide Buttons
X