Il vino dovrebbe essere incluso in uno stile di vita Keto? Per prendere la tua decisione, devi chiederti, qual è il tuo "Dove" e il tuo "Perché"? Dove sei nel tuo viaggio cheto? Sei nuovo a cheto o un veterano metabolicamente flessibile? E perché sei cheto? Lo fai per la salute generale, la perdita di peso, la terapia del cancro? Quanto devi essere severo per affrontare il tuo perché?

Quando ho iniziato lo stile di vita chetogenico 6 anni fa, volevo perdere peso, ma avevo anche problemi autoimmuni e, essendo una vittima di cancro al seno da 3 anni, volevo aumentare le mie probabilità di salute. Ho avuto davvero difficoltà a entrare in chetosi ed ero infelice. Sebbene stavo studiando per la mia certificazione di sommelier, ho deciso di smettere di bere vino per 2 mesi, solo per poter entrare saldamente nella chetosi nutrizionale.

Poi l'ho preso molto lentamente, controllando spesso il mio glucosio e chetoni prova di tolleranza e valuta i miei limiti. Ho aggiunto gradualmente il vino, a volte bevendo uno spritz di un bel vino bianco a bassa gradazione alcolica e seltzer invece di un bicchiere pieno di vino. Ora ho un peso confortevole e posso facilmente condividere una bottiglia di vino con Mister Mojo senza perdere la chetosi. Faccio ancora spesso dei test, soprattutto quando provo un nuovo vino o cibo perché voglio conoscere i miei confini in modo da poter fare scelte che si adattano alla mia bioindividualità. Faccio attenzione a non assorbire troppo perché scopro che quando lo faccio, può portare a scelte alimentari sbagliate. La tua decisione se bere o meno dipende esclusivamente dal tuo "dove" e "perché". Se sei sul filo del rasoio metabolico, potrebbe essere meglio procedere con leggerezza e conoscere i tuoi limiti per determinare se l'alcol è giusto per te.

Alcuni potrebbero chiedere, perché bere se hai queste preoccupazioni? Bene, sono fermamente convinto che Keto non sia una dieta, ma piuttosto uno stile di vita che dovrebbe essere abbracciato. Affinché sia sostenibile, è necessario trovare l'equilibrio. Per me il vino è più che bere alcolici. Durante i miei anni di studio, ho imparato a rispettare il vino e ad amare la cerimonia che porta a qualsiasi pasto o occasione.

Il vino invita alla conversazione e facilita la comunità ed è, quindi, una parte importante della mia vita - quindi risparmio i miei carboidrati per il vino!

L'intersezione della produzione di alcol e chetoni

Prima di approfondire, diamo un'occhiata a come l'alcol influisce sul corpo. Come sapete, l'alcol viene trasformato nel fegato, così come i grassi (che si convertono in chetoni). A causa del modo in cui l'alcol viene metabolizzato, la produzione di chetoni e la combustione dei grassi rallentano quando il fegato è impegnato a metabolizzare l'alcol. Fondamentalmente, il fegato elaborerà per primo l'alcol, quindi la produzione di chetoni viene messa in pausa fino a quando l'alcol non viene espulso. Questo è un effetto temporaneo, ma devi comunque preoccuparti del contenuto di zuccheri e carboidrati in quanto si riferisce alle tue macro particolari, perché l'alcol ha calorie. Per un'immersione più profonda, controlla questo video.

Ha senso quindi che più alcol si consuma, più a lungo si sospenderà la combustione dei grassi in attesa che l'alcol venga espulso. Quindi, non è solo importante bere con moderazione, ma è anche meglio scegliere un vino "secco" a bassa gradazione alcolica - idealmente, uno che arriva sotto i 12,5%, ma alcuni possono arrivare a 13% di alcol in volume (ABV). Entrerò più in dettaglio sui livelli di alcol e sui livelli di zucchero di seguito, poiché questi sono i due fattori più importanti nel determinare se un vino potrebbe essere "cheto-friendly". E per aiutare a portare tutto insieme, facciamo un rapido primer su come viene prodotto il vino.

Terroir

Più che un semplice appezzamento di terreno, tutto inizia in vigna. In L'approccio metabolico al cancro, La dottoressa Nasha Winters parla del terreno e usa la metafora del tuo corpo come un giardino. Per i nostri scopi, usiamo questa metafora al contrario. Pensa al vigneto come a un corpo, che è il perfetto seguito al concetto di terroir, che si traduce approssimativamente in "senso del luogo", la somma dei fattori ambientali che influenzano il vigneto, come il clima, la topografia, il suolo, il traliccio e l'orientamento della vite. Includerei anche pratiche agricole: potatura, lavorazione del terreno, irrigazione, controllo dei parassiti e delle malattie e raccolta. Potresti chiedere, perché è importante se tutto ciò che mi interessa è se il vino contiene zucchero?

Quelli di noi che sono metabolicamente danneggiati sono profondamente consapevoli di come gli additivi e le sostanze chimiche possono devastare il nostro sistema immunitario. Proprio come gestiamo ciò che mettiamo nel nostro corpo per creare migliori risultati di salute, gli elementi del terroir sono determinanti che si uniscono per creare il vino finito. Di questi tempi si sente molto parlare varie pratiche agricole sostenibili, come l'agricoltura biologica, biodinamica, permacultura, rigenerativa.

Potrei andare nella tana del coniglio discutendo adeguatamente di queste pratiche. Meritano il loro esame in un secondo momento. La linea di fondo è che le cantine dovrebbero cercare attivamente non solo di rimuovere pesticidi e sostanze chimiche tossiche, ma anche di migliorare il terreno attraverso la costruzione del suolo, nutrendo gli ecosistemi microbici e migliorando la salute generale del vigneto. Il terroir determina l'identità unica del vino, che include molti fattori che contribuiscono al contenuto finale di alcol e zucchero del vino finito.

Vendemmia e zucchero

Quando decidono quando raccogliere l'uva, i produttori di vino cercano un equilibrio tra sapore, zucchero e acidità. Questa scelta è uno dei fattori di maggior impatto per quanto riguarda lo zucchero, poiché più a lungo gli acini rimangono sulla pianta, più zucchero si accumulano. Pensa al viaggio tra l'uva e l'uvetta. Man mano che l'uva matura, l'acido viene scomposto in zucchero, quindi più a lungo l'uva rimane a maturare, i livelli di zucchero nell'uva aumentano, il livello di acidità nei vini diminuisce.

Acidità e zucchero

L'acidità è un altro argomento che merita di essere discusso in un secondo momento, ma generalmente, maggiore è l'acidità dell'uva, minore è lo zucchero, risultando in vini con un profilo magro e croccante rispetto a troppo maturi e dolci.

È importante notare che le uve coltivate in climi più freddi (tienilo a mente per dopo) contengono tipicamente una maggiore acidità perché c'è meno calore e sole disponibili per aumentare i livelli di zucchero dell'uva. Anche rilevante per questa discussione è il fatto che i vini ad alta acidità invecchiano meglio e sono più stabili, il che li rende meno inclini alla contaminazione o alla degradazione microbiologica, quindi, meno bisogno di solfiti. Sebbene si possa generalmente dire che i vini ad alta acidità e basso contenuto di zucchero sono preferiti per il cheto, ancora una volta bisogna sempre tornare all'equilibrio. Se l'acido è troppo alto, il vino può avere un sapore astringente e acido. Il rovescio della medaglia, l'acido alto a volte può mascherare la dolcezza, come con alcuni Riesling.

Fermentazione e Zucchero

Probabilmente sai che il vino è fondamentalmente succo d'uva fermentato - una reazione chimica, per cui il metabolismo del lievito converte lo zucchero nel mosto d'uva (la polpa, le bucce, i semi e il succo) in etanolo (alcol). In termini generali, maggiore è il contenuto di zucchero alla raccolta dell'uva, maggiore è il livello di alcol dopo la fermentazione, salvo che interrompi la fermentazione. E se la fermentazione viene interrotta prima che il lievito abbia consumato tutto lo zucchero, ci sarà zucchero residuo (indicato come RS). In termini generali, un vino è considerato secco quando tutto lo zucchero dell'uva è stato fermentato e convertito in alcol.

Il contenuto di zucchero è misurato in grammi per litro (g / L). Le classificazioni dei livelli di zucchero variano in base al paese e possono essere dettate dalle leggi regionali sul vino, come il Appellation d'Origine Contrôlée (AOC) in Francia, ma tipicamente "secco" è classificato come <5-9 grammi per litro. Può sembrare molto, ma ricorda che è per un litro. Ci sono 750 ml in una bottiglia di vino, che equivalgono a circa cinque bicchieri (5 once). Quindi, se conosci il contenuto di zucchero del vino, per calcolare quanto zucchero in una bottiglia di vino, moltiplica il g / L per 0,75 e per un bicchiere di vino, dividilo semplicemente per 5. Ciò significa che il secco arriverebbe a <0,75-1,4 grammi per bicchiere. Un esempio di gamma da "secco" a "dolce" sarebbe un Vinho Verde a 0,18 grammi per bicchiere rispetto a un Sauterne, che può raggiungere fino a 26,25 grammi per bicchiere. Per riferimento, un bicchiere da 5 once di coca cola contiene circa 16,5 grammi di zucchero per bicchiere.

Napa Valley Sidebar

Negli anni '70, un tipico Napa Cabernet Sauvignon tendeva a una media tra 12-13% alcol ed era prevalentemente magro ed equilibrato. E se si segue la traiettoria, è interessante notare che la gradazione alcolica del vino Napa è aumentata costantemente dal debutto delle linee guida dietetiche nel 1977.

Oggi, la vendemmia si è spostata sempre più tardi per molte cantine e i cabernet Napa possono variare fino a 15% alcol, con un sapore più dolce e più corposo rispetto alle loro controparti degli anni '70. L'aumento dei livelli di alcol è andato di pari passo con la sete di zucchero degli americani e l'aumento di zucchero e carboidrati nella nostra dieta. È degno di nota il fatto che alcuni celebri critici enologici abbiano promosso e premiato quello stile più pieno e dolce.

È noto che i produttori di vino aggiungono effettivamente zucchero al loro vino alla ricerca di quel punteggio sfuggente di 100 punti. Se assaggi un vino magro a bassa gradazione accanto a un vino “dolce” ad alta gradazione alcolica, il vino a bassa gradazione può sembrare spigoloso e insipido - pensa a degustare una coca cola accanto a un seltzer. Tuttavia, guardando alla vinificazione oggi, oserei dire che la marea potrebbe tornare indietro. Molte cantine scelgono di raccogliere prima, producendo ancora una volta vini con uno stile più snello, più raffinato ed equilibrato.

È chiaro che in uno stile di vita chetogenico, dobbiamo essere consapevoli del alcool e zucchero nel vino. Ora, come sommelier certificato, non sceglierei un vino solo per contenuto alcolico e zuccherino. Tra le altre cose, valuto il vino nel merito della struttura, del profilo gustativo e della complessità. Per me l'equilibrio è il punto chiave. Potrei prima guardare l'alcol e lo zucchero, ma poi mi assicuro che tutti gli altri elementi si fondano insieme.

Solfiti

Una breve parola sui solfiti, poiché molti di noi lamentano una sensibilità nei loro confronti. È interessante notare che il corpo umano produce circa 1000 mg di solfiti in un giorno, che è 10 volte di più di quelli che si trovano in un litro di vino. Quindi, tecnicamente, dovremmo tutti avere un'etichetta di avvertimento sulfito schiaffeggiata sulla fronte! Per essere chiari, ci sono solfiti prodotti naturalmente durante la fermentazione. Sin dai tempi dei romani sono stati aggiunti anche solfiti per preservare la freschezza, favorire la stabilità nell'invecchiamento e proteggere il vino dall'ossidazione e dalla contaminazione batterica indesiderata. Questo argomento merita sicuramente un'immersione più profonda (rimanete sintonizzati!).

Come scegliere il vino

Ok allora, dopo tutto questo, quali sono i migliori vini da scegliere? Ebbene, sfortunatamente, è quasi impossibile trovare una bottiglia di vino che includa l'etichettatura nutrizionale (anche se speriamo che cambi in futuro!). Poiché non possiamo essere guidati da calorie o livelli di carboidrati, usiamo le informazioni che abbiamo appreso. Cercavano:

  • Bassa gradazione alcolica
  • Basso contenuto di zucchero / zucchero residuo - "Secco"
  • Clima fresco
  • Pratiche agricole sostenibili quando possibile

È qui che le cose vanno bene. Ho visto molte informazioni errate là fuori, dove le persone consigliano vini "Keto" per varietale, suggerendo che Cabernet Sauvignon, Merlot, Sauvignon Blanc o Chardonnay sono tutte buone scelte di cheto. Vorrei ribattere e dire che è semplicemente sbagliato fare questa ampia generalizzazione. Sarebbe molto meglio cercare prima regione e clima quando cerchi un vino che funzioni con il tuo stile di vita cheto. Uno Chardonnay burroso e burroso 14.9% di Napa ad alta gradazione avrà attributi molto diversi rispetto a uno chardonnay d'acciaio a basso contenuto di alcol 12.5% di Chablis. Allo stesso modo, il Pinot Nero di Santa Barbara in genere racchiude un pugno più fruttato di un Pinot della Borgogna. Pensa a Terroir!

Navigare nelle regioni vinicole

Anche se vivo nella Napa Valley, tendo a virare verso "Old World Wines". Questo termine si riferisce semplicemente ai vini dei paesi in cui i vini hanno avuto origine, principalmente in Europa, così come alcuni dal Medio Oriente. I paesi più importanti sono Francia, Italia, Germania, Spagna, Portogallo e Austria, così come alcune scelte interessanti che si trovano in Grecia, Croazia, Romania, Ungheria, Svizzera, Libano e Israele. "Nuovo Mondo" si riferisce ai "paesi più recenti" che hanno iniziato più recentemente a produrre vino. Questi includerebbero Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Argentina, Cile e Sud Africa. Perché dovrei scegliere Old World? Semplicemente perché molti di questi vini tendono a provenire da climi più freschi e possiedono una maggiore acidità e una minore gradazione alcolica; considerando che i vini del Nuovo Mondo tendono a provenire da regioni più calde, con conseguente maggiore alcolici vini più corposi. Detto questo, i confini si sono sfumati più di recente se si considerano i luoghi della Toscana, patria dei "Super Tuscans" del Nuovo Mondo, dove i produttori di vino si ribellarono alla tradizione e aggiunsero percentuali più elevate di vitigni bordolesi al Sangiovese - o Clare Valley in Australia, che produce incredibili Riesling secchi.

Puoi sicuramente trovare vini keto-friendly nel Nuovo Mondo, ma ancora una volta, considererei la regione e il clima. In generale, la distinzione tra Vecchio e Nuovo Mondo è collegata alle leggi sul vino. Le regioni del Vecchio Mondo sono disciplinate da una serie di rigide normative che determinano i livelli di alcol, le rese, i livelli di zucchero, solo per citarne alcuni. I regolamenti del Nuovo Mondo tendono ad essere molto meno esigenti. Abbiamo bisogno della verità nell'etichettatura, ma molti produttori del Vecchio Mondo si opporrebbero, dicendo che già impongono standard più severi. Ovviamente, non tutte le regioni del Vecchio Mondo producono vini a basso contenuto di alcol / zucchero, ma nel complesso, conoscere la regione, il clima e il controllo del contenuto di alcol ti darà il miglior vantaggio.

Di seguito troverai una guida per principianti alla scelta del vino per uno stile di vita cheto. È semplice come uno, due, tre!

Keto-Mojo Choosing wine for a keto lifestyle

 

Scoprirai che la maggior parte dei vini rossi sopra elencati saranno di colore chiaro, poiché provengono da uve dalla buccia sottile. Noterai anche che non ho menzionato i rosati. Ci possono essere scelte sorprendenti da trovare, ma ci sono stili diversi. Entrambi questi argomenti meritano sicuramente riflessioni future!

 Una parola su champagne e spumante

Il contenuto alcolico degli champagne tenderà ad essere basso, tipicamente inferiore a 12% ABV. Tuttavia, proprio come il Riesling, l'acidità può mascherare lo zucchero residuo. Ma sei fortunato perché lo Champagne fa un ottimo lavoro nell'etichettare la dolcezza. Se possibile, cerca Brut Nature, a volte chiamato Brut Sauvage, poiché non ha un dosaggio aggiunto (zucchero) ed è il più basso livello di zucchero.Keto-Mojo Champagne Sweetness

E non dimenticare altri spumanti, in particolare crémant (vini spumanti francesi provenienti da regioni diverse dallo Champagne), alcuni spumanti spagnoli, il pet-nat leggero (Pétillant Naturel) e alcuni deliziosi spumanti americani domestici.

Se non hai accesso a un'ampia selezione di vini

E se riuscissi a trovare solo vini americani "quotidiani"? Molti di voi potrebbero vivere in un posto dove non riesci a trovare i vini delle regioni che ho citato e solo le basi, come lo chardonnay o il cabernet sauvignon. Se è così, allora è il momento di guardare la bottiglia e provare a scoprire da dove proviene e il contenuto di alcol. Sicuramente cerca di mantenere alcol sotto i 13%. Ora ci sono anche una moltitudine di enoteche online da esplorare. Fai le tue ricerche: può essere divertente investigare, soprattutto quando trovi una regione che ti piace.

Rendila un'avventura

Inizia a notare le etichette. Puoi trovare alcune varietà meno conosciute davvero interessanti che sono meno alcoliche, ma comunque vibranti ed equilibrate. Ancora una volta, diventa un'avventura trovare nuovi vini da provare. Quando sei in un ristorante, non aver paura di chiedere al cameriere o al sommelier informazioni sul vino, inclusa la percentuale di alcol, e anche se è secco. Se a una festa, prendi la bottiglia e guarda l'etichetta.

Consentitemi di concludere dicendo che c'è molto clamore e disinformazione là fuori su "Keto Wines" in questi giorni Zero Carb, No Sugar, Biodynamic, Raw… Natural (per cui non esiste una certificazione formale). Possono esserci delle scoperte fantastiche, ma possono anche esserci incongruenze. Guarda oltre il marketing. Di solito torna a ... hai indovinato - equilibrio!

L'ultima parola di Keto Somm

In qualità di sommelier certificato, valuto l'equilibrio, la struttura, il sapore e il potenziale di abbinamento alimentare. Come chetoniano, cerco un vino secco a bassa gradazione alcolica che non mi espellerà dalla chetosi. Come Keto Somm, voglio tutto: divertimento e appagamento, non solo per il mio palato ma anche per la mia mente e il mio spirito. Sono continuamente alla ricerca di opzioni di vino uniche e sarò sicuro di tenerti informato su qualsiasi nuova scoperta in MojoMusings.

Non vedo l'ora di approfondire il mondo del vino nei prossimi post, così insieme possiamo svelare i misteri dell'uva - rimanete sintonizzati!

E dai un'occhiata al nostro consigli sui vini sul nostro blog!

cta-booklet

Non nella nostra mailing list?
Sign up and get 5 Mouthwatering Mexican Recipes! Come spice up your life!

Noi di Keto-Mojo crediamo nella condivisione, condividendo importanti notizie, scienza e studi sulla comunità di cheto, fantastiche ricette di cheto, prodotti che amiamo e profili delle persone che ci ispirano.

Join our community now and spice up your mealtime with 5 new Mexican recipes!

Show Buttons
Hide Buttons
X